happy birthday;

Sotto al compleanno un buon Marketing

Ebbene sì domani è il mio compleanno e questo articolo è una buona occasione per fare una piccola analisi sui Regali e sul Buon Marketing che ci circonda. Guardiamo insieme come due mail di “auguri” siano differenti e facciamo una piccola analisi.

marketing; firenze;

Prima di tutto GRAZIE.
Grazie di avermi scritto “Estetica Criss ” presso Bodyline e grazie MediaWorld perchè i regali che sono sempre graditi.

Qualcuno di voi potrebbe dire: “si, va beh, ciao. Sono mail automatiche”
Giusto, sono mail automatiche.
Ma la vostra Azienda le manda? Vi fa degli omaggi? Sono regali comunque?
Quindi per me vale prima di tutto un grazie. Adesso però facciamo una analisi leggera e diverte del contenuto delle mail.

Tempismo Errato

Nella rincorsa ad arrivare primi o per meglio dire prima degli altri sono state spedite due mail in anticipo rispetto al giorno del compleanno.
Siamo in Italia e per tradizione gli “auguri” non si fanno prima, perchè non sono di buon auspicio.

Se vogliamo scrivere prima, ed è pure lecito giocarsela sul tempo, dobbiamo cercare una formula che non prevede gli auguri.
Facciamo un esempio: “Ehi, sappiamo che tra qualche giorno festeggi gli anni…..” oppure “Se stai pensando di regalarti per il tuo compleanno …” 

Infatti domani pioveranno le mail con gli sconti e in quel caso “auguri si potrà scriverlo a chiare lettere”,ma queste due mail sono arrivate già da 7 giorni!

Problemi Tecnici e Grafici

Evidentemente entrambe le aziende usano programmi di spedizione mail automatiche, ma nella prima, senza applicare nessun filtro alla mia casella di posta elettronica, non appare il bel logo della palestra ed il testo è tutto scombinato.
Il logo lo metto qui sotto perchè ne vale la pena ricordarlo.

Mentre nella mail B si è preferito rimanere con lo standard grafico:
intestazione – testo/immagine – Scritta.

Se devi scrivermi gli auguri la prima formula la trovo più confidenziale, più “umanizzata”.
E quindi più gradevole e gradita.

ENella seconda si evince la tecnica ed il colore, ma rimane poco più di un buono-sconto.

Rifredi; palestra;

Urgenza o Fretta?

Il Centro Estetico Criss mi manda una mail con un omaggio che sa quasi di beffa.
Mi arriva la mail verso metà mattina, essendo a lavoro controllo la posta quando posso e quindi in ritardo rispetto all’orario del regalo.
Leggo che “solo per oggi avrò il 30% di sconto” da domani è il 20% ed è valido per una settimana.
Praticamente impossibile da usufruire questo sconto che mi indispettisce più che coccolarmi.

MediaWorld fa quasi peggio.
Compra quel che vuoi ti dò un mese. Mamma mia. Un mese?
Nel Marketing un “regalo per un mese” è non mettere urgenza al cliente e quindi il cliente se ne dimentica ed il buono finisce nel cassetto o nel cestino.

Cosa Regalare?

E’ dai tempi del Natale di quando ero bambino che non ricevevo una bustina coi soldi dentro, la bustina sempre gradita che ti dava la nonna o la zia con l’augurio “comprati quello che vuoi”.

Se tu sei una azienda che guarda al futuro con la tecnologia del mail marketing, a te va tutta la mia stima, perchè per me dovrebbe avere un sistema di mail automatizzato anche il dentista. Ma questo si sa è il mio settore. 
Però cara Azienda, caro Professionista ricordati il lato umano!

Facciamo due esempi:  il centro estetico Criss poteva fare alcuni tipi di regalo: una pulizia viso, un pettine, uno shampo, una qualsiasi cosa che risultasse un omaggio e dopo avrebbe consegnato il buono sconto che il cliente avrebbe speso come più gradisce.
MediaWorld poteva regalare delle cuffie, una audiocassetta, una video cassetta e al suo ritiro avrebbe consegnato il buono sconto da spendere.
Insomma per entrambi serve ridurre le distanze con il cliente, regalagli qualcosa che può toccare, che tu hai pensato per lui e dopo omaggialo di persona per farlo spendere come meglio crede.
Perchè qui manca la domanda principale. 

Perchè io Azienda o Professionista fai un regalo?

Perchè il compleanno è un buon pretesto per “conoscerci”, per ricordarti che io azienda esisto o per farmi conoscere proprio ex novo.
E allora questo aggancio ha un costo aziendale da dover sopportare, difficile a volte da gestire, ma se lo fai pensando alla persona e non al cliente avrai ottimi risultati in merito ed il regalo non può essere misero perchè altrimenti misera è l’etichetta che rimane in mente della tua azienda.

Prima delle conclusioni però……..

Ancora e ancora per il Regalo

Conclusioni.

Domani si aggiunge una tacca alla stecca, un altro anno è passato. Un anno davvero duro, difficile. Un anno fa esatto mi operavano ed oggi sono in Palestra. Come gira veloce la lancetta dell’orologio.

E tu vorresti farmi un regalo?

Vorrei avere la spinta di poter andare ad intervistare gli artisti, i vecchi bottegai della nostra Firenze. Vorrei avere la possibilità di parlarci e riportare qui queste le loro parole e le loro immagini e allora mi servo due sforzi da parte tua:

  1. scrivimi e indicami quali sono le botteghe o gli artisti che meritano di essere per primi contattati, scrivimi a sotto@ilsignorsotto.it
  2. se vuoi puoi donare 1 euro al blog che io destinerò solo ed esclusivamente per pubblicizzare le attività che dicevo prima: artigiani, artisti, piccole botteghe fiorentine

Auguri e …

Domani festeggerò un po’, poi mi immergo in un Corso Avanzato di Pubblicità su Facebook e dopo ci ritroveremo qui.

Ciao e Grazie

Il Signor Sotto

Ti è piaciuto l'articolo?
Si, Signor Sotto ogni tanto mandami una mail. Ogni tanto è! So che i miei dati non li darai mai a nessuno, mi fido di te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *