In questo piccolo scritto parlo della pista ciclabile di via Circondaria e di tutta la viabilità della zona che va da viale Redi fino a Piazza Leopoldo. Tante soluzioni, tutte da valutare.

Le 4 piste Ciclabili in fase di realizzazione nel Quartiere 5

Quattro sono le piste ciclabili in fase di realizzazione:

Le due piste ciclabili di via Allori (1) e Torre degli Agli (2)

Scusate la qualità delle immagini, ma le ho realizzate al volo prima di dover andare a fare la spesa e servono solo per capire meglio dove stiamo intervendo.

Pista Ciclabile di via Allori a Firenze

La pista ciclabile di via Allori nasce con la volontà di racconrdare la lunga pista ciclabile di via Baracca, che arriva da sotto il Ponte All’Indiano, fino alla “autostrada ciclabile” che collegherà Firenze con Prato (zona Firenze Nova per dare un punto di riferimento, fino a Prato).
Di fatto la realizzazione di questa pista non incide sui posti auto, forse se ne persono 5 in tutto.

Tempi di realizzazione: circa 120 giorni da oggi.

Pista Ciclabile via Torre degli Agli

Questa Pista raccorda la pista di via Baracca, via Baracchini con la zona Tribunale, Università di Firenze.

Nessun impatto sui posti auto.

Tempi di realizzazione: circa 120 giorni da oggi.

Pista ciclabile di via Mariti

Qui il discorso meriterà un articolo a parte. E’ già delineata, la pista fa, in buona parte, degli oneri scaturiti con la relizzazione della nuova Esselunga di via Mariti, i tempi sono di circa 12/18 mesi da oggi.

Pista ciclabile di via Circondaria

Qui ci vuole un po’ di pazienza e ho diviso la mappa in molti punti per renderla velocemente consultabile.

Pista ciclabile in Via Circondaria a Firenze ( grazie a OpenStretetMap che vi consiglio)

Ho diviso la pista ciclabile in 6 punti perchè riesco a spiegarla meglio e a far capire alcune soluzioni possibili.

Tratto 1

Qui il percorso raccorda la pista ciclabile di viale Redi. Per l’attraversamento del ponte ci vorrà un po’ di tempo, ma sostanzialmente si attraversa vicino le strisce pedonali dei giardini, si passa dietro al lampredottaio, si prosegue per le strisce pedonali davanti al Gran Bar.
Vedi foto qui sotto.

Tratto 2

Questo è il tratto di strada più semplice.
C’è posto per marciapiede, pista ciclabile e posti auto.

Alla fine di questo punto siamo all’incrocio con viale Corsica (sede della bellissima Agenzia Blu7!, si scherza eh!!!) e qui la pista si raccorda con quella già esistente.
Non cambia nulla, di fatto, per i posti auto.

Tratto 3

Se fosse possibile, qui, cambia ancora meno del precedente tratto. Pista diritta, non cambia nulla.

C’è da parlare del sotto passo, perchè la pista prenderà un po’ di spazio, non molto e ridurrà un po’ lo spazio di passaggio delle auto. E visto le evoluzioni del punto successivo è anche un bene.

il sottopasso di via Circondaria a Firenze

Tratto 4

Eccoci al punto doloroso di tutta la questione.

Sulla destra, percorrendo via Circondaria da Viale Redi verso Piazza Leopoldo, c’è via Sighele.

Questo incrocio, ne abbiamo parlato molte volte nelle riunioni del Quartiere, citato anche nelle osservazioni al DUP, è davvero molto pericoloso e teatro di molti incidenti.

La sicurezza al punto numero uno di ogni intervento stradale.

Come regolare questa intersezione?
Si potrebbe lasciarla così e vedere come si prosegue nel tempo oppure si potrebbe far diventare la strada a senso unico in ingresso della via, da via Circondaria dentro a via Sighele.

Questo perchè la Pista ciclabile nel tratto numero 4 prenderà del posto affianco al marciapiede attuale.

Problema della sede stradale e dei posti auto di via Circondaria punto 4.

In questo tratto di strada, per norma, c’è una corsia sola. Vero è che al momento le macchine si dispongono su due file, ma di corsie per il codice ce ne è una sola.
Ancora di più con la presenza della Pista ciclabile.

Ho proposto di mantenere i posti auto a lisca di pesce sia sulla destra e, se ci fosse la possibilità, di crearne anche sulla sinistra: fare una doppia lisca di pesce riducendo lo spazio ad una corsia sola e stretta nel mezzo della strada.

Perchè?
Per molti motivi.
1) per entrare in piazza Tanucci le auto ferme in via Circondaria al semaforo, comunque si devono riunire in una corsia perchè sul lato sinistro della piazza ci sono gli alberi e i posti auto.
2) per svoltare a destra verso la Fortezza da Basso, come direzione, si privilegerebbe la svolta di via Sighele (le strade si imparano anche con la abitudine).
3) perchè così si dà una mano alle biciclette e non si penalizzano abitanti e negozianti della zona

Ovviamente le mie sono proposte, poi chi decide sono i tecnici della mobilità.

Tratto 5

Qui si entra in Piazza Tanucci e la pista ciclabile passa vicino al Aurelio Re del Lampredotto, per capirsi, prosegue lungo la strada lato piazza.
Qui ci sarebbe una sola corsia (come in realtà già esiste) e sicuramente non ci sarebbero più le auto in doppia fila perchè bloccherebbero tutto il traffico.
Posti auto forse a lisca di pesce vista la presenza degli alberi? Credo di sì, ma bisogna vedere.

Tratto 6

In via Pompeo Neri nessun problema, le auto sono già poste lungitudilamente, forse si potrebbe chiedere la lisca di pesce sul lato sinistro.

Ovviamente è tutto in divenire, ma con tempi molto celeri, ma non li ricordo, forse entro fine anno è tutto realizzato.

Aspetto aiuto, considerazioni e anche suggerimenti.

Ringrazio per le foto la mia auto che ha deciso di guastarsi in via di Novoli e sono tornato a piedi giusto in tempo per scattare due foto 🙂

4 risposte

  1. Mi pare un ottimo lavoro che sta procedendo speditamente. Abito proprio sopra il gran bar
    e sto seguendo giornalmente l’andamento.
    Riguardo alla sicurezza, sicuramente lo spartitraffico messo a settembre ha eliminato i pericoli per chi si immetteva in via circondaria da via o. Da Pordenone . Secondo me ancora pericoloso l’ attraversamento pedonale davanti al Gran Bar, dove le macchine e moto provenienti dalla curva della rotonda verso via circondaria non rallentano e la visibilità non è il massimo. Mi sono trovata spesso a rischio.
    Grazie per l’attenzione
    Elena

    1. Ciao Elena, si è ancora pericoloso e nell’articolo non l’ho scritto, ma ho chiesto una migliore segnalazione dell’attraversamento pedonale in quel punto.
      grazie

  2. Sottopasso : già ora la striscia di mezzeria non è diritta e può creare problemi. Sarebbe bene costringere chi viene da via Cironi a entrare in via Circondaria su una fila unica e tenerla per tutto il sottopasso. L’idea di rendere via Sighele a senso unico da via Circondaria mi sembra ottima. L’unico problema potrebbe essere l’uscita delle auto su via del Romito, resa difficile dal traffico continuo. In Piazza Tanucci è insopportabile il parcheggio in doppia fila, quindi le auto a lisca di pesce sotto gli alberi mi sembrano un’ottima idea. In via Neri si formano giustamente due corsie, per chi, in piazza Leopoldo, girerà a destra e chi a sinistra, quindi credo che sia meglio lasciare spazio per due corsie. Buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.