fbpx
Tramvia; Il Signor Sotto;

ATAF e Tramvia per la famiglia

Ataf e Tramvia: un biglietto per le famiglie

Breve Estratto

Una idea da valutare: un biglietto ATAF o un abbonamento TRAMVIA per le famiglie.

Cambiano le abitudini

E’ innegabile, la tramvia ha avuto un impatto notevole sulla città di Firenze.

Ne risentono nel bene e nel male i negozi, ne parlo in un altro articolo, ne risentono le valutazioni immobiliari e per questo vi invito a seguire l’interessante Indrit con il suo bollettino immobiliare in continuo aggiornamento, ma soprattutto ne hanno risentito le abitudini dei cittadini e delle famiglie fiorentine.

Piazza Unita di Italia; Tramvia; Firenze;

“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo.” 
Henry Ford

Allora è compito di tutti coloro che vogliono bene a questa città, e non solo degli amministratori o dei candidati nei vari ruoli amministrativi, fermarsi un attimo e fare una riflessione.

Come e quale impatto ha avuto la Tramvia sulla città e quali aggiustamenti possiamo suggerirci?

Muoversi in Famiglia: è un po' caro

Da quando la Tramvia passa vicino a casa mia in Piazza Leopoldo, non posso che riconoscere di averne fatto molto uso, molto di più degli autobus che passavano prima.

E’ veloce, silenziosa, comoda, continua, la tramvia è una rivoluzione per questa città.

Però ci sono anche degli aspetti negativi che vanno valutati.

I lavori della realizzazione della tramvia sono stati di per sè una tassa da pagare, soprattutto per il commercio al dettaglio ( qui ho scritto tutte le date e i numeri che riguardano la tramvia ).

Ed il costo per una famiglia non è di poco conto. Anzi facciamo qualche conto insieme.

Il biglietto ordinario costa 1 euro e 50 centesimi, in linea con il resto di Italia. Anzi a Milano parlano di un aumento a 2 euro ( leggi qui ) da luglio 2019.

Poi c’è il carnet da 10 corse che costa 14,00 euro ma ATTENZIONE è personale! Una famiglia non lo può usare.

Il biglietto fatto con un sms costa 1,80 euro circa, chissà perchè costa di più.

Poi ci sono gli abbonamento per gli Studenti 28 euro e ordinario 35 euro.

Esistono poi altri abbonamenti in base all ‘ISEE, in base ai redditi, ma sono soglie abbastanza basse. Ecco comunque un articolo completo, con la descrizione della carta UNICA lo trovi qui.

Ma avete mai provato a fare una “giratina in centro” con la famiglia?

Capita di dire: ” andiamo in centro, magari ci fermiamo alla Gelateria dei Medici e poi proseguiamo per il centro a comprare un libro o a vedere una mostra alla Strozzina”.

Con un unico biglietto si sale e si scende dai mezzi pubblici per 90 minuti, si possono fare tutti i cambi di mezzo che ci occorrono.

Non so voi, ma a me capita che questa giratina per il centro duri un po’ di più di una ora e mezzo e quindi i biglietti che servono sono doppi: bisogna comprarli per andare e ricomprarli per tornare a casa.

Quattro biglietti costano 6 euro per andare e 6 euro per tornare: 12 euro la sola spesa per muoversi, nel caso della mia famiglia.

I bambini pagano la tramvia o l’autobus?

 

“ I bambini di statura inferiore ad un metro, purché non occupino posti a sedere, sono trasportati gratuitamente in numero di uno per ogni adulto ccompagnatore. Oltre tale limite pagano la tariffa ordinaria. “ dal testo di trasporto pubblico di Ataf.

Si, direi che la maggior parte dei bambini paga il biglietto.

 

La proposta: un abbonamento per famiglie o "gruppi" che viaggiano tutti insieme

Quando penso al Trasporto Pubblico mi piace cantarmi l’idea della della gratuità del servizio.

Mi viene da pensare che il trasporto pubblico se fosse gratuito allora sarebbe utilizzato in massa a sfavore dei mezzi propri e inquinanti.

Però poi penso anche ai milioni di turisti che godono delle bellezze artistiche della nostra città, arrivano in città e in qualche modo la consumano e allora per loro un piccolo biglietto è giusto che esista.

Piccolo, non esoso, perchè la città di per sè è sufficientemente cara.

Ecco che gli introiti di questa massa di turisti si potrebbe riversare in maniera massiccia verso la mobilità pubblica e soprattutto verso i cittadini e le famiglie.

Bicicletta; bike; disegno;

Dobbiamo pensare ad un biglietto “famiglia” un biglietto dove in caso di presenza di due adulti allora due minori possono viaggiare gratis, oppure un rapporto un adulto un minore.

Questo favorirebbe lo spostamento anche di interi nuclei familiari.

Questa è una mia personale idea.

Il Signor Sotto vuole essere un piccolo blog dove l’economia e tutto ciò che le ruota intorno viene spiegata in maniera semplice e pratica. Se vuoi aiutarmi in questo progetto puoi fare 3 cose:
1) scrivimi a [email protected] per produrre articoli, suggerimenti, richieste di argomenti o segnalarmi qualcosa
2) donare 5 euro al mio blog per sostenre le spese vive dei computer, dei server, della grafica, ect
3) semplicemente iscrivendoti alla mia newsletter e condividendo i miei articoli su Facebook o Twitter.

Comunque Grazie di avermi dedicato il tuo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “ATAF e Tramvia per la famiglia”