Adduma: Firenze sotto la carica elettrica.

Sotto con la rivoluzione elettrica

E’ arrivata Adduma a Firenze​

La prova su strada, la APP, come ci si registra, come funziona, i confronti con le altre auto in sharing a Firenze.

Adduma è una esperienza.
Se in un primo momento è stato difficile partire con l’auto, alla fine della prova la sensazione è stata più che positiva.
Ecco il mio personalissimo racconto. 

A Firenze la scelta delle auto a sharing è sempre più ricca, sono le auto a noleggio temporaneo: Car2go, Enjoy, Sharen’go e adesso anche Adduma. Ognuna di queste compagnie ha caratteristiche diverse e particolari.
Non mi aspettavo un nuovo operatore di auto in sharing in città perchè, dopo un primo lancio molto promettente degli operatori Car2go ed Enjoy, avevo registrato un evidente calo del parco vetture a disposizione in città.
Ed invece sono arrivate le due auto elettriche Sharen’go e Adduma.
Diciamolo subito due esperienze completamente diverse.

Inizia la prova: quasi

La prova su strada si è verificata una domenica mattina, con la mia famiglia, due adulti e due bambini, ci trovavamo in centro in città a Firenze e dovevamo tornare a casa.

“Aspettate! Accendo la App urbi e guardo che macchine ci sono qui vicino”.

Alla Stazione c’è una ampia penisola di TAXI vicino alla uscita principale lato Duomo, lato piazza della Unità e li ci sono parcheggiate anche 2 auto gialle della Sharen’go e due grigio dell’Adduma.

Proviamo una Adduma per curiosità: mia.

Firenze; Stazione Taxi;

Mi ero registrato alla APP molto tempo prima e quando sono arrivato ad usarla mi ha chiesto le credenziali di accesso. Ecco, questo è un piccolo problema che si ripresenta regolarmente con tutti gli operatori, su Car2Go ci dovrei fare un articolo intero solo su questo aspetto.

Quindi ho fatto sedere tutti a prendere un po’ di sole sulle scalinate della Stazione credendo che ci avrei messo un bel po’ di tempo, invece da cellulare sono riuscito a recuperare i vari accessi e credenziale rapidamente. Quindi, se sai usare il cellulare un minimo, è tutto molto facile, altrimenti prevedi di farlo con calma a casa.

Come si prenota

A differenza della Sharen’go la “prenotazione” dell’automobile risulta essere molto efficiente, veloce, facile: vai sulla mappa, tocchi il simbolo con l’auto e ti appare una bella foto come qui accanto.

L’auto, la targa, l’indirizzo esatto di dove si trova la macchina, un dettaglio importante: la sua autonomia!

Nell’esempio qui accanto indica 187 km di possibile percorrenza con la ricarica attuale.

Un bel tasto PRENOTA e un tasto INFORMAZIONI

Sotto ti viene ricordato che hai 20 minuti per raggiungere il veicolo prenotato altrimenti nessun problema, la prenotazione decade.

Al momento di questo articolo per Enjoy in caso di mancato perfezionamento della prenotazione avresti avuto comunque un addebito minimo di €0,30 centesimi.

Le informazioni prima di partire

Appaiono gli 8 punti che ti servono per partire, che vanno dai più banali staccare il cavo di alimentazione se la trovi in questa situazione (impossibile perchè quando è in fase di alimentazione la Adduma non viene rilevata come macchina disponibile) fino verificare che la leva del cambio sia nella posizione P e che tu abbia il pedale 

Dovrai premere START e ricordarti di essere su una macchina:

ELETTRICA E AUTOMATICA !!!

Perchè ti dico questo con enfasi? Perchè solo chi ha provato una auto automatica e ha superato i dubbi iniziali, dopo ne apprezza moltissimo la praticità.
Pensa agli scooter, quelli dei nostri nonni erano tutti con il cambio, noi invece li abbiamo tutti con “cambio automatico o cambio variabile”, insomma l’auto fa tutto da sè.

Quindi metti il cambio su R per uscire dal parcheggio in retro marcia o su D (drive) per procedere in avanti.

La macchine automatiche risultano essere tutte leggermente accelerate e questo può portarle a muoversi lentissimamente in avanti, da sole, ma non è in questo caso. Questa scelta di acelerare la macchina serve molto in fase di parcheggio.

Io che sono abituato ad usare auto automatiche ho avuto bisogno di 2 minuti per imparare a dosare …. il freno!
Caspita, questa Adduma inchioda!

Analisi della Macchina: fuori e dentro

Adduma ha scelto una bella macchina: una Renault, grande, spaziosa per 4 persone, ma adatta anche per 5 passeggeri.

La macchina è risultata pulitissima dentro, nuova, in esterno aveva piovuto poco prima e quindi leggermente fangosa nella parte bassa.

La prima cosa che ho notato un set di cavi per attaccare il cellulare in ricarica: una scelta intelligente!
Se per usare l’auto devi avere un cellulare funzionante, quelli di Adduma ahanno pensato che poteva esserti utile poterlo ricaricare mentre stai viaggiando.
Bravi.
Ora, il vano porta cavi si vede che è un po’ arrangiato e posticcio, ma meglio utile e brutto che non averli.

Come si vede dlle foto ad Adduma fanno bene anche il Marketing: “ZTL free” che per una città come Firenze sembra proprio una bella risposta a chi non sa come arrivare n auto in centro per i mille divieti (sacrosanti).
Ed in più parla anche a tutti gli stranieri in città: “Ehi guys, I am ZTL free ” – “Ehi ragazzi, siete in città, e qui c’è una auto che può entrare gratis in centro!”. 

Su strada

Come ti ho detto ci ho messo un po’ a capire il freno, perchè la macchina frena molto. Bisogna modulare il piede e considerare che non usi il freno motore per rallentare. Capito questo in pochi metri la macchina va che è una bellezza. Hai una macchina e non come la simpaticcisima Sharen’go, che io uso moltissimo perchè mi diverte, che però è un due posti e po’ “plasticosa”, questa è una auto. Punto.

Si, mi piace

E’ economica (lo scrivo dopo)

E’ ecologica

E’ silenziosa

E’ Spaziosa

svanyaggi, costi,  collegarla a tutte le altre pagine.

No, non mi piace

Prima di partire devi farti un po’ di registrazioni

Bisogna prenderci la mano o meglio il piede del freno

Sono poche in città

Cmunque devi cercare il posto per una auto “lunga” normale e quindi giri un po’ di più rispetto alle altre piccole

Curiosità

La curiosità sorge appena ti arriva l’estratto conto della carta, perchè mentre nella ricevuta che ti giunge per mail il giorno dopo c’è spiegato tutto benissimo, dove hai preso l’auto, dove l’hai lasciata e quanto hai pagato, sull’estratto conto c’è la parola “iIa notifica via sms dell’addebito della corsa effettuata: “Inno Nicosia”.

Ed ecco che “Adduma” acquista un valore, in più: Adduma, “andiamo” in dialetto siciliano.

Quanto mi è costata la corsa

La corsa si paga a minuti e per 15 minuti ho speso 3 Euro tondi tondi.

Tanto? Non credo. Pensa che quando affitti un auto hai compreso tutti i costi che non si vedono: assicurazione, bollo, consumo della auto e dei sui pezzi, “carburante”, insomma paghi tutto compreso e per chi fa pochi kilometri l’anno, secondo i miei studi circa 4000 km, conviene sempre una auto a noleggio.

l'articolo che ha fatto conoscere questo blog a livello Nazionale

l'articolo che mi ha fatto intervistare alla radio

Se hai qualche domanda sulla Adduma, se hai qualche dubbio, se hai qualche suggerimento non esitare a scrivermi a: sotto@ilsignorsotto.it grazie e spero tu mi metta mi piace anche sulla Pagina Facebook.

A presto, con Car2go e Enjoy.

Ilsignorsotto

Ti è piaciuto l'articolo?
Si, Signor Sotto ogni tanto mandami una mail. Ogni tanto è! So che i miei dati non li darai mai a nessuno, mi fido di te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *