fbpx
cane; gatto; valigia;

Tutti i vantaggi della share economy per la gestione degli animali domestici

Emanuela Berni

Emanuela Berni

Content Writer

Tutti i vantaggi della share economy per la gestione degli animali domestici

Breve Estratto

La sharing economy offre vari servizi per gli animali domestici e i loro padroni, quali pet sitting e ospitalità per 4 zampe a pagamento o gratuita. Eccone alcuni esempi.

La sharing economy e il mondo dei quatto zampe italiani

La sharing economy è la forma di economia, alimentata dalla tecnologia, che ripensa l’utilizzo di strumenti/apparecchi e la fornitura di servizi per eliminare lo spreco, agevolando al contempo l’incontro di domanda/offerta, spesso senza intermediazioni. Oltre che a pagamento i servizi possono essere erogati gratis o come baratto. In molti casi l’economia collaborativa include quel valore aggiunto dato dal reale interesse personale per quello che si offre. 

Nel Belpaese abbiamo – stime Assalco – almeno 7 milioni di cani e altrettanti gatti. Sommandoli a canarini, iguane e via dicendo risultano 60 milioni di animali da compagnia. Animali che richiedono attenzioni e cure, spesso in viaggio con i loro padroni. La sharing economy si inserisce in questo affollato contesto apportando diversi benefici:

  • riduzione del fenomeno dell’abbandono. Che al momento presenta cifre impressionanti: secondo la Lav, 130.000 casi l’anno.
  • Risparmio sulle spese per la cura e il mantenimento dei pets, ad esempio barattando ospitalità o usufruendo di operatori non professionali.
  • Miglioramento della pet care grazie alla digitalizzazione/condivisione dei loro dati sanitari.
  • Opzioni di socializzare sia fra pet lovers sia fra 4 zampe, favorendo il senso di appartenenza a una community in ambo le categorie.

Il ruolo della sharing economy per pets ha comunque ancora molte potenzialità inespresse. Per esempio, penso alla condivisione del cibo inutilizzato per animali, sulla falsariga di quanto avviene grazie all’app Olio per umani. Oppure a una rete di solidarietà che possa censire e curare le colonie feline magari grazie al crowfunding. La strada imboccata sembra andare in tale direzione, vedremo.

Sharing economy: le APP più utili

In tempi abbastanza recenti, la sharing economy ha raggiunto il mondo dei pets, degli animali domestici.
Ecco così nascere siti tematici e apps di condivisione pensati per la gestione degli animali domestici e risolvere i problemi dei loro padroni.
Promettono di rendere la vita di quattrozampe e umani più semplice, ma
funzionano?

Alcune apps hanno vita breve, ma altre come Pawshake e Qareo hanno un discreto successo e lasciano presagire una longevità meritata. Capire perché non è difficile.
Qualche esempio della loro utilità: quando programmi un viaggio puoi individuare le location pets-friendly. Quando sei al lavoro o hai impegni, nessun problema a trovare una persona fidata e amante di cani/gatti che se ne prenda cura. 

In una parola, coerentemente coi principi della sharing economy, queste app e questi siti rispondono ai bisogni di chi le usa sfruttando i vantaggi della tecnologia.

Di seguito scopriamo alcune delle principali.

Qareo

APP Qareo: conservi la CARTELLA SANITARIA del tuo cane e gatto e rimani in contatto col suo VETERINARIO. Leggi tutte le INFO.

Dogalize

APP Dogalize: il Facebook del mondo dei cani, CONDIVISIONE, DOGSITTER, spiagge, foto, hotel per cani e altro. Tutte le INFO utili su Dogalize. Clicca.

Petsharing

Petsharing: nasce a FIRENZE una comunità di volontari con la passione dei cani. Aiuto, solidarietà, scambio etico e tanto altro. Clicca per leggere come funziona.

Pawshake

Pawshake: CHI si prende cura del tuo CANE o GATTO. La app, come funziona, VANTAGGI, svantaggi ed il confronto con le altre APP. Clicca.

“Chi non ha avuto un cane, non sa cosa vuol dire essere amato”
Schopenhauer

Il Signor Sotto vuole essere un piccolo blog dove l’economia e tutto ciò che le ruota intorno viene spiegata in maniera semplice e pratica. Se vuoi aiutarmi in questo progetto puoi fare 3 cose:
1) scrivimi a [email protected] per produrre articoli, suggerimenti, richieste di argomenti o segnalarmi qualcosa
2) donare 5 euro al mio blog per sostenre le spese vive dei computer, dei server, della grafica, ect
3) semplicemente iscrivendoti alla mia newsletter e condividendo i miei articoli su Facebook o Twitter.

Comunque Grazie di avermi dedicato il tuo tempo.

Leggere; disegno;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares